Faq

Di seguito trovate una raccolta delle domande che ci pongono con maggior frequenza i nostri clienti.

Il fumo ha qualche effetto nocivo sulla salute di denti e gengive?
Si. Il fumo rende più grave la parodontite che porta alla perdita dei denti. Le macchie da fumo favoriscono l’accumulo di placca batterica intorno ai denti.

 

  • E’ normale che i denti si muovano?

No, non è assolutamente normale. I denti mobili sono tra i più comuni sintomi di forme gravi di malattia parodontale. In caso di mobilità dei denti è consigliato recarsi dal proprio dentista per una valutazione delle possibili cause e della relativa terapia.

 

  • Le otturazioni in amalgama sono dannose per la salute?

Effettivamente il mercurio è un metallo tossico, capace di superare le barriere fisiologiche e di accumularsi nel sistema nervoso e nel latte materno. Ma un conto è il metil-mercurio rintracciato nelle carni di pesci dei mari del Nord, e un altro è il mercurio presente nelle otturazioni. Insomma l'amalgama è un composto stabile che non rilascia mercurio in quantità pericolose. In base ai dati ricavati sperimentalmente, una persona dovrebbe avere in bocca 300 otturazioni per accusare tossicità.

 

  • C’è associazione tra malattia parodontale e alito cattivo?

Sì. Una delle più comuni conseguenze della malattia parodontale può essere l’alito cattivo dovuto alla proliferazione dei batteri sulle superfici dei denti e all’interno delle tasche parodontali.

 

  • Lo sbiancamento dei denti può essere dannoso?

No, ma solo se eseguito correttamente.

 

  • Che cosa è un Ascesso?

L'ascesso è un'infezione acuta, con produzione di essudato, o pus accompagnata da infiammazione più o meno intensa del parodonto e dell'osso alveolare. La guancia è gonfia e dolente. Se vi è febbre e se la gengiva, oltre che far male, è tesa e lucida, occorre l'intervento di un odontoiatra per le opportune misure. Spesso si sente un sapore sgradevole. L’ascesso può degenerare in forme gravi con ripercussioni generali che possono interessare seriamente il paziente.

 

Share by: